HO UN POPOLO NUMEROSO IN QUESTA CITTA’

In cammino verso la XVII Assemblea Nazionale

Questa traccia di lavoro è uno strumento ad uso delle associazioni parrocchiali, diocesane e regionali per immergersi nel cammino verso la XVII Assemblea nazionale. Si tratta di indicazioni per aiutare a svolgere un esercizio di discernimento comunitario, così da verificare il cammino delle nostre associazioni nel triennio passato e progettare con slancio e passione il lavoro dei prossimi tre anni. È un ausilio ed un invito affinché le associazioni possano programmare un proprio percorso caratterizzato da uno o più momenti di ascolto, preghiera e dialogo in preparazione alle Assemblee elettive: desideriamo che queste siano vissute in bellezza e siano occasioni per disegnare il volto dell’associazione e per definire i passi da intraprendere in ogni Chiesa locale.

Indicazioni per l’Assemblea Parrocchiale di AC

“Il legame con la Chiesa diocesana vive giorno per giorno nella parrocchia, in essa l’Ac sperimenta la concretezza di una Chiesa da amare ogni giorno nella sua realtà positiva e nei suoi difetti; da accogliere e sostenere; da spingere al largo e da servire con umiltà” (Progetto formativo, Introduzione, n. 5)

Il tempo delle assemblee parrocchiali, che si inserisce nell’ordinarietà del cammino dell’ultimo anno del triennio, è tempo di grazia se curato con attenzione e passione. È un momento di rafforzamento dei legami associativi e tra le generazioni, ma anche di promozione dell’Ac nella comunità e presso persone che non conoscono la nostra proposta.

 

Programma associativo 2019/2020: ABITARE

III ANNO – ABITARE
Abitare oggi, significa fare proprio l’atteggiamento della comunità cristiana così come viene descritto nella lettera a Diogneto; è incarnare quella condizione apparentemente contraddittoria di piena cittadinanza e di totale estraneità alle logiche del mondo, una condizione che diventa in sé presenza missionaria solo se è capace di contagiare con il piacere e la bellezza di credere insieme. Ecco perchè l’abitare richiede l’avvio di un processo di riforma dei linguaggi dell’annuncio e così pure di quelle strutture che del dinamismo dell’evangelizzazione sono responsabili: per essere una compagnia coinvolgente e mai esclusiva, attenta al
contesto senza riduzionismi e semplificazioni, misericordiosa ma non inerte alla banalità del male, in grado di rendere credibile con la vita l’amore incredibile del Vangelo. Abitare richiede infine il superamento del dualismo tra centri (i luoghi deputati alla pastorale) e periferie per un’Azione Cattolica che sappia costruire
cultura nelle carceri, negli ospedali, nelle strade, nelle fabbriche, nei quartieri, in una permanente missione “corpo a corpo”.

PRINCIPALI APPUNTAMENTI DIOCESANI

  • giovedì 10 ottobre 2019 – incontro nella ricorrenza dei 50 anni della scelta religiosa a cui interverranno Matteo Truffelli, presidente nazionale AC, e S. Ecc. mons. Rocco Pennacchio, Arcivescovo di Fermo
  • venerdì 1 novembre 2019 – festa diocesana per i 50 anni dell’ACR
  • domenica 10 novembre 2019 – ritiro spirituale per giovani e adulti
  • domenica 1 dicembre 2019 – ritiro di Avvento per giovanissimi
  • da venerdì 10 gennaio (cena) a domenica 12 gennaio (pranzo) 2020 esercizi spirituali, rivolti in particolare ai delegati parrocchiali alla XVII Assemblea Diocesana
  • domenica 26 gennaio 2020 – convegno pubblico a conclusione del mese della Pace
  • DOMENICA 9 FEBBRAIO – XVII ASSEMBLEA DIOCESANA ELETTIVA
  • domenica 8 marzo 2020 – ritiro giovanissimi
  • domenica 15 marzo 2020 – ritiro adulti, con partecipazione alla festa diocesana della famiglia
  • domenica 22 marzo 2020 – ritiro III media e genitori
  • domenica 29 marzo 2020 – ritiro giovani
  • sabato 23 maggio 2020 – festa diocesana degli incontri
  • dal 17 al 23 agosto 2020 – campo diocesano giovani

“A dirla in breve, come è l’anima nel corpo, così nel mondo sono i cristiani. L’anima è diffusa in tutte le parti del corpo e i cristiani nelle città della terra. L’anima abita nel corpo, ma non è del corpo; i cristiani abitano nel mondo, ma non sono del mondo. L’anima invisibile è racchiusa in un corpo visibile; i cristiani si vedono nel mondo, ma la loro religione è invisibile” (Lettera a Diogneto).

Programma Diocesano 2019-2020
Programma Diocesano 2019-2020
programma-diocesano-2019-2020.pdf
161.5 KiB
24 Downloads
Dettagli...

IL SEME BUONO DELLA SCELTA RELIGIOSA

Il 10 ottobre 1969, Papa Paolo VI approvava il nuovo Statuto dell’Azione Cattolica Italiana, risvolto concreto della scelta religiosa fiorita dal Concilio Vaticano II.

Nel momento in cui l’aratro della storia scavava a fondo rivoltando profondamente le zolle della realtà sociale italiana – scriveva Vittorio Bachelet, indimenticato presidente dell’AC ucciso dalle Brigate Rosse – che cosa era importante? Era importante gettare seme buono, seme valido. La scelta religiosa – buona o cattiva che sia l’espressione – è questo: riscoprire la centralità dell’annuncio di Cristo, l’annuncio della fede da cui tutto il resto prende significato”.

Proprio nel giorno in cui ricorrono i cinquant’anni dell’approvazione, giovedì 10 ottobre 2019, l’Azione Cattolica di Fermo e il Centro Culturale S. Rocco promuovono un incontro, con inizio alle ore 21.00 presso l’Auditorium di Villa Nazareth, sul tema “Il seme buono della scelta religiosa”, a cui interverranno il prof. Matteo Truffelli, presidente nazionale dell’Azione Cattolica, e l’Arcivescovo di Fermo, S. Ecc. mons. Rocco Pennacchio.

locandina

AUGURI PER LA SANTA PASQUA

“Il Figlio di Dio è lo Sposo che fa di tutto per guadagnare l’amore della sua Sposa, alla quale lo lega il suo amore incondizionato che diventa visibile nelle nozze eterne con lei.
Questo è il cuore pulsante del kerygma apostolico, nel quale la misericordia divina ha un posto centrale e fondamentale. Esso è «la bellezza dell’amore salvifico di Dio manifestato in Gesù Cristo morto e risorto»”

(Dal Messaggio di Papa Francesco per la Quaresima 2016).
Un fraterno augurio per la S. Pasqua!
image

Auguri per la Santa Pasqua

pasqua2015“L’eternità, la vita nuova e definitiva è già entrata, con la morte e resurrezione di Gesù, nella mia esperienza. È da me vissuta, qui e adesso, nell’indistruttibilità dei gesti che compio: di amore, fedeltà, perdono, amicizia, onestà, libertà responsabile. Gesti nei quali supero misteriosamente il tempo raggiungendo l’eternità nella misura in cui mi affido alla vita e all’eternità del Crocefisso risorto che ha vinto la morte. E’ bello pensare che posso riscattare l’angoscia del tempo, la storia del mio corpo, con atti di dedizione che hanno un valore definitivo, depositato nella pienezza del corpo risorto di Cristo! E’ bello pensare che ogni parola che dico nella preghiera è un mattone lanciato nell’eternità per costruire la dimora che non ha fine”

(C. M. Martini, Credo la vita eterna)

Un fraterno augurio per la Santa Pasqua!

COMUNICATO STAMPA

COMUNICATO STAMPA DELLA PRESIDENZA DIOCESANA DELL’AZIONE CATTOLICA IN OCCASIONE DELLA GIORNATA DELL’ADESIONE

Il prossimo 8 dicembre, nel giorno della festa dell’Immacolata, l’Azione Cattolica  tiene la tradizionale giornata dell’adesione: a modello del “sì” di Maria, guardando alla Vergine Lauretana tanto cara all’AC, proponiamo di dare o rinnovare il “sì” al servizio alla Chiesa nell’Azione Cattolica, un’associazione di laici impegnati a vivere, ciascuno “a propria misura” ed in forma comunitaria, l’esperienza di fede, l’annuncio del Vangelo e la chiamata alla santità, collaborando con il nostro Vescovo e i sacerdoti ai quali ha affidato la cura delle comunità cristiane della nostra Diocesi.

Quella dell’Azione Cattolica è una storia che inizia da lontano: raccontarla significa raccontare anche la storia della Chiesa e dell’Italia degli ultimi centocinquanta anni. È una storia, infatti, che si intreccia con la vita di migliaia di uomini e donne, che in questo lungo periodo hanno lavorato con passione e fedeltà, servendo la Chiesa e contribuendo a costruire il Paese in cui viviamo. Un servizio che si è espresso e si esprime ancora oggi nella scelta di stare in maniera corresponsabile nelle diocesi e nelle parrocchie: l’AC fin da principio ha scelto di rispondere alla vocazione missionaria, mettendosi a servizio della vigna del Signore nelle singole Chiese locali.

L’adesione all’AC è una scelta di responsabilità e libertà, un contributo da portare alla vita della Chiesa, in spirito di amicizia con le altre aggregazioni, con cui si vuole camminare insieme, nella gratitudine per il dono che ciascuna di esse rappresenta. Non è un gesto di separatezza, ma significa uscire dall’anonimato: mostrare come dalla fede nasca una scelta convinta.

L’AC che desideriamo costruire insieme è un’associazione sempre aperta alla novità della vita, capace di interpellare persone nuove, di provocare le loro scelte, di favorire una piena partecipazione alla vita della comunità civile e della comunità ecclesiale, tale da mostrare quel senso vivo della passione per gli altri che proviene dall’incontro con il Signore Gesù. Un’AC che se da un lato sceglie di radicarsi in un territorio, dall’altro fa proprio il respiro universale della Chiesa.

Con i migliori auguri per il S. Natale, affidandoci all’intercessione della Vergine Lauretana e dei tanti Santi e Beati dell’AC, rivolgiamo a tutti coloro che vivono e lavorano nei paesi della nostra diocesi un fraterno saluto!

La presidenza diocesana
dell’Azione Cattolica dell’Arcidiocesi di Fermo

COMUNICATO STAMPA N. 34

LUCA GIROTTI E’ IL NUOVO PRESIDENTE DELL’AZIONE CATTOLICA DIOCESANA DI FERMO
A nominarlo, con decreto, l’Arcivescovo di Fermo Mons. Conti

L’Arcivescovo di Fermo Mons. Luigi Conti ha nominato, con decreto, giovedì 17 aprile (Giovedì Santo), su proposta del Consiglio Diocesano, il prof. Luca Girotti nuovo Presidente dell’Azione Cattolica Diocesana di Fermo per il triennio 2014-2017. Luca, che succede a Mauro Trapè (alla guida dell’Ac diocesana per due mandati consecutivi), è nato a Roma l’8 febbraio 1968. Sposato, due figli, risiede a Civitanova Marche. È ricercatore di pedagogia sperimentale presso il Dipartimento di Scienze della formazione, dei Beni Culturali e del Turismo dell’Università degli Studi di Macerata, dove ricopre diversi incarichi didattici e istituzionali. Fra le sue responsabilità in ambito associativo sono da ricordare, per esempio, quelle di segretario nazionale del Movimento Studenti dell’Azione Cattolica, di Consigliere Diocesano AC dell’Arcidiocesi di Milano e, negli ultimi anni, di Presidente Parrocchiale AC di Cristo Re – S. Pietro di Civitanova Marche. “E’ con grande gioia che accolgo la nomina di S.E. mons. Luigi Conti a servire la Chiesa locale come presidente diocesano dell’Azione Cattolica, ringraziandolo per le Sue parole e per la Sua benedizione – ha dichiarato il Presidente Girotti – dall’Eucaristia che è fonte della nostra vita, ognuno di noi trovi slancio per essere missionario nello stile a cui più volte ci ha richiamato Papa Francesco. Il mio pensiero va a tutte le associazioni parrocchiali che vivono nel vasto territorio della nostra Arcidiocesi (che arriva fino a Monaco!). A tutti gli associati, dal più giovane al più anziano, chiedo di pregare perché la nostra Associazione possa sempre accompagnare ciascuno di noi nel cammino di fede, rinnovando anche oggi quella tradizione di santità che ben ritroviamo nelle figure di Maria Gioia e Paola Renata Carboni. In questo impegno non sarò solo, ma avrò la collaborazione di un nuovo consiglio diocesano. Il Signore accompagni e sostenga tutti noi e ci doni il Suo Spirito, guidando e illuminando sempre le scelte che insieme faremo. Ringrazio sentitamente Mauro Trapè che mi ha preceduto in questo servizio e quanti hanno fatto parte del Consiglio diocesano nel precedente triennio, nella certezza che non ci faranno mancare il loro aiuto e la loro preziosa esperienza”. Il nuovo Consiglio Diocesano dell’AC, eletto nel corso dell’assemblea del 16 febbraio scorso, è così composto: Andrea Cameli, Sara Santini, Claudio Andrenacci (consiglieri “ACR”); Marta Andrenacci, Andrea Belleggia, Stefania Spalletti (consiglieri “Giovani”); Michele Belà, Massimo Catinari, Keti Silenzi, Michela Luciani (consiglieri “Adulti”); don Alberto Spito (assistente unitario), don Pietro Ciccarè (assistente ACR), don Giordano Trapasso (assistente “Giovani”), don Luigino Marchionni (assistente “Adulti”).

Fermo, 19 aprile 2014

Mandato per il nuovo presidente diocesano
473.5 KiB
374 Downloads
Dettagli...